L’elisir e lo specchio: i romanzi barocchi di Béroalde de Verville

 

beroalde

 

Riscoperto e rivalutato solo verso la metà del Novecento, Béroalde de Verville è stato a lungo conosciuto unicamente come epigono di Rabelais e come autore di un testo narrativo assai particolare, Le Moyen de Parvenir. La sua produzione romanzesca comprende in realtà parecchie migliaia di pagine e si estende dal 1592 al 1616. In questo articolo cerchiamo, da un lato, di evidenziare le caratteristiche principali di tale produzione, cogliendone i tratti distintivi, dall'altro, di dimostrare che non esiste una frattura profonda tra l'ultimo romanzo di Béroalde, Le Moyen de Parvenir appunto, e tutti quelli che lo precedono, contraddistinti anch'essi dall'éclatement delle strutture narrative.

 

Cliquez ici pour télécharger l'article

Cerca nel sito